Innovazione

Innovazione, Interviste clinici

Il futuro del paziente oncologico? Essere al centro di una “rete” multidisciplinare di cura e di assistenza personalizzate

 

Intervista con  il Professor Gianni Amunni, Direttore Generale dell’Istituto per lo Studio, la Prevenzione e la Rete Oncologica (ISPRO) della Regione Toscana.

 

Professore Amunni che giudizio dà all’innovazione oncologica nel nostro Paese?

Sicuramente l’oncologia negli ultimi anni ha fatto passi molto importanti, soprattutto sul fronte degli strumenti terapeutici. Ci sono tumori, come per esempio il cancro del polmone o il melanoma metastatico, che fino a qualche anno fa erano praticamente senza nessuna possibilità di trattamento, oggi, invece, hanno possibilità di essere trattati, per cui sicuramente dei passi in avanti sono stati fatti.

Leggi

Innovazione, Interviste clinici

Il nostro cuore: nuove cure, microchirurgia, più precisione in campo diagnostico e tutte le regole per mantenerlo in salute

 

Intervista con il Professor Stefano Carugo, Direttore della Cardiologia dell’Unità Coronarica dell’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano, per Motore Salute.

 

Cuore e cure: quali sono le ultime novità in campo cardiologico, in particolare per quanto riguarda i farmaci?

In campo cardiologico stiamo vivendo una nuova era: dopo anni di farmaci, sono arrivate in commercio, grazie alla ricerca, nuove terapie per lo scompenso cardiaco, per le dislipidemie e nuove terapie ancora più fini per la rigenerazione cellulare.

Leggi

Innovazione, Interviste clinici

Cuore: seguire stili di vita corretti per prevenire le malattie cardiovascolari

 

Intervista con il Professor Stefano Carugo, Direttore della Cardiologia dell’Unità Coronarica dell’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano

 

Le malattie cardiovascolari sono un problema molto serio e rappresentano la prima causa di mortalità e morbilità nel mondo occidentale. E’ così?

Sì, esatto. Fa più paura un cancro e non un infarto o un ictus, però ricordo a tutti che le malattie cardio e celebro-vascolari sono ancora oggi la prima causa di morte e di disabilità in tutto il mondo anche nei paesi emergenti. I motivi sono molteplici e uno, fra i tanti, è che noi ci trascuriamo perché gli stili di vita che adottiamo non sono adeguati. Penso soprattutto al fumo, e le donne sono le maggiori consumatrici. Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMG) anche solo una sigaretta è considerata “fumo attivo”, quindi non bisogna fumare.

Leggi

Innovazione, Interviste clinici

Epatite C, l’eradicazione del virus: un obiettivo realizzabile

 

Intervista ad Alfredo Alberti, Professore di Gastroenterologia Dipartimento di Medicina Molecolare Università di Padova, epatologo AOU Padova

 

In Italia l’eradicazione del virus responsabile dell’Epatite C è un obiettivo molto ambizioso ma realizzabile se verranno messe in atto strategie specifiche di identificazione e presa in carico dell’ampio numero di pazienti che non è ancora stato diagnosticato (l’epatite C è spesso del tutto asintomatica) o non è stato ancora inviato dal “territorio” ai centri di cura.

Ne è fermamente convinta la Regione Veneto, l’unica che abbia una piattaforma online che registra i trattamenti e gli esiti a medio e lungo termine della terapia e che abbia prodotto un documento programmatico di eradicazione del virus dell’Epatite C che verrà reso pubblico a breve. Per eliminare il virus HCV, gli esperti dicono che in prima istanza è ovviamente indispensabile definire con precisione quanti sono i soggetti infetti, quanti sono quelli già diagnosticati e ancora da diagnosticare.

Leggi